Angebote zu "Storie" (6 Treffer)

Kategorien

Shops

Torna a casa, Lessico! La serie completa, Hörbu...
9,95 € *
ggf. zzgl. Versand

Torna a casa, Lessico! Si parla di parole, in brevi episodi. Emergono in racconti, sfilano per temi. Etimologie, storie, significati, sfumature di significati, narrazioni. Un intrattenimento di parole utili al pensiero e alla vita, che non avete mai sentito così. Possiamo dirlo? Qualcosa di nuovo. Dall'autore del sito "Una parola al giorno". Lista degli episodi: Al fuoco; All'arrembaggio! Coi migliori sentimenti; Come organizzare una giostra medievale; Evviva i Longobardi!; Il cielo notturno; Il mito quando non te lo aspetti; Il nostro amico Ippocrate; In palestra; Italiano nipponico; Latino gagliardo; Le bestie del mito; Le meraviglie che dici (sette, del mondo antico); Le parole della parmigiana di melanzane; Le parole per votare; Le più belle parole della filosofia antica; Ospiti a cena; Parole coniate; Parole di successo dell'antica Roma; Per antonomasia; Potenti esotici; Prototecnologie; Quattro stronzi e i loro iponimi; Questo è il campo.   Questo podcast vi è offerto in esclusiva per Audible ed è disponibile solamente in formato audio digitale. 1. Italian. Ludovico Fededegni. http://samples.audible.de/bk/asop/000232/bk_asop_000232_sample.mp3.

Anbieter: Audible
Stand: 18.02.2020
Zum Angebot
Carmilla: La vampira e il detective dell'occult...
9,95 € *
ggf. zzgl. Versand

I racconti qui presentati, "Tè verde", "Il giudice Harbottle" e "Carmilla", appartengono alla raccolta "In a Glass Darkly". Composti in momenti differenti e pubblicati su varie riviste e poi riuniti nel 1872, i singoli racconti, benché diversissime siano le storie ivi riportate, possono essere considerati parti di un'unica narrazione, fatta di oscure risonanze e di sinistri riflessi. Elemento esterno unificante è la figura-cornice del Dottor Hesselius, medico, psicologo, mistico e metafisico tedesco, primo "detective dell'occulto" della letteratura europea. Con questi racconti, Le Fanu ci invita a guardare nello specchio del reale con la consapevolezza che quanto vedremo non sarà la verità, ma una sua ombra confusa, il riflesso baluginante di qualcosa che sfugge al controllo della ragione. "Tè verde" (1869) è la storia del reverendo Jennings che, dopo la lettura di "certi volumi antichi, inconsueti, edizioni tedesche di testi in latino medievale", mentre torna a casa con l'omnibus, vede comparire una misteriosa scimmia, che da quel momento in poi, tra improvvise sparizioni e scoraggianti ricomparse, continuerà a seguirlo fissandolo con languore maligno. "Il giudice Harbottle" (1872) è il funesto racconto della nemesi piombata su Mr Harbottle, uomo malvagio e corrotto, culminante nell'onirica condanna a morte dello stesso da parte del giudice capo Twofold (letteralmente "Doppione"). "Carmilla", infine, il più famoso dei racconti di Le Fanu, narra le astuzie e i languori della vampira Carmilla. 1. Italian. Roberto Attias, Tatiana Lepore. http://samples.audible.de/bk/asit/001299/bk_asit_001299_sample.mp3.

Anbieter: Audible
Stand: 18.02.2020
Zum Angebot
Ripensare la storia universale
54,00 € *
ggf. zzgl. Versand

In un'epoca imprecisata, a Roma un certo Giustino si imbatte in un raro esempio di storia universale scritta in latino, le Storie Filippiche di Pompeo Trogo: affascinato, ne compone quel che definisce breve florum corpusculum. Oggi, perduto Trogo, questa epitome potrebbe almeno preservarne il dato storico, ma non è così: gli errori, i fraintendimenti e i tagli infelici che la percorrono hanno distorto l'originale, di cui non resta che un'idea confusa. Possiamo dare la colpa allo scarso acume di Giustino, tanto limitato da non essersi accorto dell'inadeguatezza del suo riassunto?Se, fino ad ora, gran parte della critica ha risposto in maniera affermativa alla questione, questo lavoro la riapre a partire dall'unica traccia certa che Giustino ha lasciato di sé: il materiale che dell'originale ha scelto di conservare e le modalità con cui lo ha cucito insieme. Lungi dall'essere stati raccolti senza criterio, i flores che compongono l'Epitoma si rivelano connessi da un robusto filo rosso, dipanando il quale anche i più dibattuti problemi non solo su Giustino, ma anche su Pompeo Trogo conosceranno nuove risposte. The only known instance of universal history in Latin before the Christian Orosius, the "Historiae Philippicae" by Pompeius Trogus, is lost in the original and only survives in the form of a clumsy abridgment by a certain Justin, an otherwise unknown author of very dubious chronology. Unfortunately, the apparently inexplicable omissions, inaccuracies, and ineffective editing that mark Justin's abridgment have so far hindered the "Historiae Philippicae" from being used as a reliable historical source.The present book reconsiders the unfavorable judgements on the quality of Justin's work that are often repeated in scholarship and takes the peculiar features of the Epitome as precious historical indicators of its setting, its audience, and its chronology. This first systematic analysis of the editing and abridging process shows that Justin's selection was the product of a conscious and coherent modus operandi; as a result, it will become possible also to reassess some of the most discussed debates on Pompeius Trogus.

Anbieter: buecher
Stand: 18.02.2020
Zum Angebot
Ripensare la storia universale
55,60 € *
ggf. zzgl. Versand

In un'epoca imprecisata, a Roma un certo Giustino si imbatte in un raro esempio di storia universale scritta in latino, le Storie Filippiche di Pompeo Trogo: affascinato, ne compone quel che definisce breve florum corpusculum. Oggi, perduto Trogo, questa epitome potrebbe almeno preservarne il dato storico, ma non è così: gli errori, i fraintendimenti e i tagli infelici che la percorrono hanno distorto l'originale, di cui non resta che un'idea confusa. Possiamo dare la colpa allo scarso acume di Giustino, tanto limitato da non essersi accorto dell'inadeguatezza del suo riassunto?Se, fino ad ora, gran parte della critica ha risposto in maniera affermativa alla questione, questo lavoro la riapre a partire dall'unica traccia certa che Giustino ha lasciato di sé: il materiale che dell'originale ha scelto di conservare e le modalità con cui lo ha cucito insieme. Lungi dall'essere stati raccolti senza criterio, i flores che compongono l'Epitoma si rivelano connessi da un robusto filo rosso, dipanando il quale anche i più dibattuti problemi non solo su Giustino, ma anche su Pompeo Trogo conosceranno nuove risposte. The only known instance of universal history in Latin before the Christian Orosius, the "Historiae Philippicae" by Pompeius Trogus, is lost in the original and only survives in the form of a clumsy abridgment by a certain Justin, an otherwise unknown author of very dubious chronology. Unfortunately, the apparently inexplicable omissions, inaccuracies, and ineffective editing that mark Justin's abridgment have so far hindered the "Historiae Philippicae" from being used as a reliable historical source.The present book reconsiders the unfavorable judgements on the quality of Justin's work that are often repeated in scholarship and takes the peculiar features of the Epitome as precious historical indicators of its setting, its audience, and its chronology. This first systematic analysis of the editing and abridging process shows that Justin's selection was the product of a conscious and coherent modus operandi; as a result, it will become possible also to reassess some of the most discussed debates on Pompeius Trogus.

Anbieter: buecher
Stand: 18.02.2020
Zum Angebot
Ripensare la storia universale
54,00 € *
ggf. zzgl. Versand

In un’epoca imprecisata, a Roma un certo Giustino si imbatte in un raro esempio di storia universale scritta in latino, le Storie Filippiche di Pompeo Trogo: affascinato, ne compone quel che definisce breve florum corpusculum. Oggi, perduto Trogo, questa epitome potrebbe almeno preservarne il dato storico, ma non è così: gli errori, i fraintendimenti e i tagli infelici che la percorrono hanno distorto l’originale, di cui non resta che un’idea confusa. Possiamo dare la colpa allo scarso acume di Giustino, tanto limitato da non essersi accorto dell’inadeguatezza del suo riassunto? Se, fino ad ora, gran parte della critica ha risposto in maniera affermativa alla questione, questo lavoro la riapre a partire dall’unica traccia certa che Giustino ha lasciato di sé: il materiale che dell’originale ha scelto di conservare e le modalità con cui lo ha cucito insieme. Lungi dall’essere stati raccolti senza criterio, i flores che compongono l’Epitoma si rivelano connessi da un robusto filo rosso, dipanando il quale anche i più dibattuti problemi non solo su Giustino, ma anche su Pompeo Trogo conosceranno nuove risposte.****************The only known instance of universal history in Latin before the Christian Orosius, the "Historiae Philippicae" by Pompeius Trogus, is lost in the original and only survives in the form of a clumsy abridgment by a certain Justin, an otherwise unknown author of very dubious chronology. Unfortunately, the apparently inexplicable omissions, inaccuracies, and ineffective editing that mark Justin’s abridgment have so far hindered the "Historiae Philippicae" from being used as a reliable historical source.The present book reconsiders the unfavorable judgements on the quality of Justin’s work that are often repeated in scholarship and takes the peculiar features of the Epitome as precious historical indicators of its setting, its audience, and its chronology. This first systematic analysis of the editing and abridging process shows that Justin’s selection was the product of a conscious and coherent modus operandi, as a result, it will become possible also to reassess some of the most discussed debates on Pompeius Trogus.

Anbieter: Dodax
Stand: 18.02.2020
Zum Angebot